Recensioni & Interviste
Pri.Banks

AntiFragile. Prosperare nel disordine.

Agosto 2019

Nassim Nicholas Taleb –
Il Saggiatore, 2013

Evviva gli choc!

In che mondo vivremmo se esistessero persone o aziende galvanizzate dal caos e dall’insicurezza? Non semplicemente anti-cicliche, cioè che temono il caos e l’incertezza esattamente allo stesso modo, solo su tempi e pattern inversi rispetto a quelle cicliche.

Un barbuto e scorbutico ex-trader libanese ha scoperto che queste persone e queste aziende esistono eccome, e già che c’era ha mandato ai pazzi il 90% degli economisti, del mondo finance e degli accademici prendendosi gioco di loro e dei loro modelli di previsione.

Perché? Semplice: perché da prima del crollo del 2008 sostiene che gli economisti e le loro previsioni basate su modelli statistici ed econometrici sono errati, inservibili, fuorvianti se non addirittura tossici e nocivi. Il fatto che i suoi libri vendano centinaia di migliaia di copie in tutto il mondo non ha aiutato.

Si chiama Nassim Taleb, è diventato famoso con Il cigno nero, ma considera Anti-fragile, in cui descrive e teorizza il contrario della fragilità, il suo libro più importante. Per sintetizzare l’antifragilità possiamo dire che non è il contrario della robustezza, ma la caratteristica di qualsiasi entità – organismo, società, azienda – capace di prosperare sapendo che qualsiasi progetto è votato al fallimento e che tirare la corda, spesso, è la cosa più saggia da fare. Taleb è esattamente così, rispecchiando e incarnando il concetto in ossequio alla complessità del mondo. Unico problema? Non gli è riuscito di scovare una parola più rotonda e perfetta, non derivata, in nessuna lingua conosciuta. Non oso immaginare quanto possa averlo reso furibondo. Chiunque dovesse trovarla, questa parola mancante per un concetto sfuggente e potentissimo, avrà per sempre la gratitudine di Taleb (forse).

Un consiglio in più: non leggerlo, ascoltalo. Gli audiolibri sono perfetti per assimilare autori indigesti e, in più, proteggono dai vicini di ombrellone.

Commenti

Non ci sono commenti

Lascia un commento su questo Editoriale

Per commentare questo editoriale è necessario essere registrati e aver effettuato il login.